News

BEREBENE - Torino 2017

07-12-2016

Saremo presenti a Torino al BEREBENE 2017.
Vieni a trovarci?

ProWein dal 19 al 21.03.2017

07-12-2016

Saremo presenti a Dusseldorf in Germania
Hall 16 / E31

La Zazzera

06-07-2016

La Zazzera

Au départ, il y a plus d2019un demi-siècle, le Morellino était un vin doux servi pour faire passer les biscuits en fin de repas, aujourd2019hui il est devenu un Supertoscan qui triomphe sur les marchés européens et cela grâce à quelques producteurs visionnaires qui, dans les années 201970, commencèrent à le vinifier en vin rouge sec de repas. Mais c2019est véritablement en 1981, que la DOC (AOC) Morellino di Scansano prend son envol grâce à l2019apparition sur la scène viticole toscane d2019un noble italo-danois, ex tour operator et people de la Dolce Vita romaine qui s2019installe dans la campagne profonde de la province de Scansano et commence à produire son vin, M. Erik Banti.

Le Morellino n2019était connu que par les habitants des villages aux alentours mais personne en dehors de la région n2019en avait entendu parler. Et voilà qu2019Erik rempli sa voiture de caisses de vin et commence à les apporter à Rome, auprès de ses amis restaurateurs et au Danemark, vue ses origines. Pour aller au Danemark il passera forcement par l2019Allemagne et voilà que le Morellino se construit une petite réputation en dehors de sa campagne natale et devient à la mode.

Du coup, d2019autres producteurs se mettent à l2019embouteiller, y compris la Cave Coop ; tous font du Morellino un vin rouge de bonne qualité qui attire des grands noms de la viticulture italienne : Cecchi, Poliziano, Frescobaldi2026 une sorte de « nouveau monde » à portée de main et le prix des vignes s2019envole. Problème : ceux qui ont voulu détourner la fonction principale de ce vin rouge de soif, à savoir son sourire et sa plaisance, en un grand vin rouge d2019élevage, ont commencé à avoir des problèmes. Le cacher derrière un étiquetage de Supertoscan en mariant au Sangiovese typique le plus 201Cexotique201D Cabernet Sauvignon n2019a pas suffi.

De toute façon son caractère ressort quoi qu2019il arrive2026Un vin facile à boire, tellement facile qu2019on en boit une bouteille entière juste avec une soupe. Un vin authentique, sans complexes, fils de la terre de la Maremma, la Toscane du sud.

Un peu d2019histoire : Scansano, grâce à sa position en colline, fut dès l2019époque des Médicis, une destination privilégiée pour les familles de fonctionnaires de Grosseto qui se déplaçaient durant l2019été de la plaine insalubre vers les collines fraiches et saines de Scansano, loin de la malaria.

Morellino est le mot local qui désigne le cépage Sangiovese et semble traire son origine des chevaux « morelli » (bruns) desquels elle reprend la couleur intense du poil et leur vigueur. Le Morellino di Scansano fut reconnut en 1978 en tant que « Denominazione di Origine Controllata » (Appellation d2019origine contrôlée) à laquelle on a ajouté « garantie » depuis la vendange 2007.

Actuellement la superficie plantée est de 1500 hectares de vignes distribuées sur 7 communes parmi lesquelles bien évidemment Scansano, mais aussi Campagnatico, Grosseto, Magliano in Toscana, Manciano, Roccalbegna e Semproniano. Chaque année ce sont plus ou moins 10 millions de bouteilles qu2019y sont produites. Le vin est produit à partir de variété Sangiovese avec l2019ajout d2019autres variétés à hauteur maximum de 15%.

D2019un point de vue des caractéristiques organoleptiques, le Morellino présente une couleur rubis profonde ; le nez é vineux, surtout quand le vin est jeune, et il évolue vers des notes épicées avec l2019âge. La bouche est austère, l2019alcool présent, la structure et le corps assez équilibrés. Vous pouvez trouver la mention « Riserva » si le vin passe au moins 2 ans en barrique.

La notoriété du Morellino était jusqu2019à très récemment confinée à la Toscane et au sud de l2019Italie, Rome particulièrement, mais maintenant il s2019agit de l2019une des appellations les plus intéressantes sur le marché. Malheureusement, les disparités de qualité entre un producteur et l2019autre ne nous donnent pas l2019impression d2019une appellation homogène et il faut absolument déguster (ou suivre les conseils de quelqu2019un qui a dégusté:) afin de ne pas être surpris par des produits vraiment trop jeunes et acides qui ne demandent que plus de temps en cave.

https://lazazzerawineblog.com/2014/07/03/morellino-di-scansano-le-vilain-petit-canard-des-vignobles-toscans-devenu-signe/

Morellino di Scansano Erik Banti e Golf

11-11-2015

Ieri sul bellissimo Campo di Golf Nazionale a Sutri si è svolta la seconda Pro-Am sponsorizzata dalla nostra Azienda. La giornata bellissima e calda si è svolta all'insegna dell' allegria e dell'agonismo. Per premiare le squadre vincenti rigorosamente bottiglie di Morellino di Scansano, Vermentino e Magnum Ciabatta Erik Banti molto gradite dai giocatori.
e per finire in bellezza una ricca merenda accompagnata dai nostri vini.

Bio zero carbon footprint Nomacorc

10-07-2015

Erik Banti choose the "Bio zero carbon footprint Nomacorc" for Ciabatta Morellino di Scansano.

I remember the time, at the debut of the '90s, when wine cork producers were offering a new kind of "silicon cork" ( I will make it short as they were called as such!) with colours ranging from yellow to red, from black to natural cork looking ones.

At the time I owned a restaurant in Montemerano located in an old olive oil mill from the 700ac which I fully restored by employing "essential" restoration techniques which were recognised very similar to those later adopted by world famous architect Gae Aulenti.

The Antico Fantoio, as the restaurant was named, became an important crossing point for the gourmet people travelling to reach the famous Etruscan hot springs of Terme di Saturnia as well as for wine makers on their way to Rome to pick up their 3 glass price from the Gambero Rosso, a reward that was those days assigned to less than 50 wine producers!

On the contrary to other restaurants, owned by wine producers, which would serve only their own-produced wines at the table, Antico Frantoio began serving also other wines produced by friends all around Italy, friends with whom I was then sharing that incredible enthusiasm for wine during those glorious years.

I therefore had the opportunity to explore and learn about the virtues of every possible matter of sealing wine in a bottle: from the fat solid 6cm natural corks, to the "birondellati", to those made by pressed micro particles of cork, to the self winding metal cap, to the silicon cork so difficult to handle and hard to unscrew (my table waitresses would handle them to me for the job as it required strong hands!).

Those were my first encounters with the silicon cork, a product I then refused to utilise regardless of the many types that were presented to me throughout the years.

Coming back to nowadays, I recently was invited to examine the last generation of silicon corks during a presentation at the Consortium of Morellino di Scansano; these new corks were quite different from the ones I recalled in the old days!

I must admitted that I could hardly understand the technical specs described by each silicon cork producer, even with the support of graphics, statistics and chemical properties of each product.

On the hand, as a wine enthusiast and always positive to innovation, I invited one of the silicon cork producer, Normacorc, to a test in my own wine cellar.

Due to both the sympathy and helpfulness from Elisa and Mr Sani, sales manager Italy, together with the information and the competitive pricing structure of their products and ultimately due to my crave for innovation in the area of wine producing, I decided to test their Select Bio Zero Carbon Footprint to seal my Ciabatta, Morellino di Scansano 2012 production.

The Ciabatta wine I produce is the one I am most attached and reminiscent of beautiful memories, the first one which achieved the 3 Glass honour price from the Gambero Rosso Committee and the one that has been mostly mentioned in the most prestigious guides and wine publications worldwide.

Bio zero carbon footprint Nomacorc

30-06-2015

Vai nella sezione "Ricerca e Sviluppo" del nostro sito per vedere le fasi di imbottigliamento!

http://www.erikbanti.com/ricerca-sviluppo/

Bio zero carbon footprint Nomacorc

29-06-2015

Erik Banti sceglie il "Bio zero carbon footprint Nomacorc" per il Ciabatta Morellino di Scansano.
Mi ricordo bene quando, agli inizi degli anni novanta, mi veniva proposta la nuova tipologia di tappi fatti in silicone, la faccio breve perché così venivano chiamati, con le più fantasiose colorazioni che andavano dal giallo, al rosso, al nero ed anche "tipo sughero" per avvicinarsi al colore a cui da sempre eravamo abituati.
All'epoca avevo un ristorante a Montemerano in un vecchio frantoio del '700 che ho voluto ristrutturare secondo i miei concetti di essenzialità ripresi, come mi hanno poi confermato amici architetti, da concetti di Gae Aulenti, a me allora sconosciuta. L'Antico Frantoio, questo il nome del ristorante, è stato per anni il punto di riferimento per i gourmet in transito per andare alle famose Terme di Saturnia e sosta da parte dei viticoltori nella loro strada per Roma a ritirare i tre Bicchieri del Gambero Rosso, a quei tempi assegnati a meno di cinquanta produttori.
Contrariamente ai ristoranti gestiti da aziende vitivinicole dove si trovavano solo i vini da loro prodotti, volli proporre oltre ai miei, anche i vini dei miei amici produttori sparsi nello stivale con i quali condividevo quegli anni d'incredibile fervore e di comune entusiasmo. Pertanto ebbi l'occasione di poter approfondire la mia conoscenza, su ogni tappatura possibile, dagli straripanti di sughero naturale monopezzo lunghi 60mm., ai birondellati, ai microgranulati, ai tappi a vite e, per finire, a quelli in "silicone" che le cameriere mi portavano a stappare in quanto la loro estrazione era quanto mai difficile se fatto da mani femminili.
Queste sono state le mie prime esperienze su quel tipo di tappo che ho sempre rifiutato di esperimentare pur con le infinite proposte che mi venivano offerte.
Ritornando ai giorni nostri, ho partecipato ad un incontro presso la sede del Consorzio del Morellino, in cui veniva presentata l'ultima generazione di questo metodo di chiusura che poco e niente aveva a che fare con "il silicone" che mi ricordavo. Dalle spiegazioni che ogni singolo produttore di tappo faceva con grafici, statistiche, qualità e specifiche chimico/fisiche, non ho capito niente, per me troppo tecniche.
Essendo però sempre attento alle innovazioni, l'argomento mi stuzzicava e con faccia tosta ho inviato in cantina chi rappresentava la più grande ditta al mondo di queste chiusure, la Nomacorc, per avere maggiori dettagli nello specifico alle mie capacità di comprensione, per la verità assai basse.
Sarà per la simpatica disponibilità di Elisa e del Signor Sani, Sales Manager Italy, sarà per le informazioni che mi hanno esposto, sarà per i prezzi allineati alle mie aspettative unite, ovvio, al desiderio "innovativo" che ho deciso di usare il loro Select Bio zero carboon footprint per chiudere il Ciabatta, Morellino di Scansano 2012, il vino a me più caro e pieno di ricordi, primo ad ottenere nella sua denominazione i tre bicchieri Gambero Rosso ed i più significativi riconoscimenti da parte delle più importanti e qualificate guide, riviste del settore e giornali nel mondo intero.
Con i miei ringraziamenti a tutto lo Staff Nomacorc ed in particolare a Vanessa Sferrazza, Antonella Del Maso, Elisa, il Dott. Sani ed al Vice President Global Sales Mr. Jay Cummins, che mi hanno fatto l'onore di una loro visita durante il recente Vinitaly.
Scansano il 24 Giugno 2015

ADNKRONOS: 7 VINI ITALIANI NEI 100 TOP BEST BUY

15-10-2014

Roma, 12 ott. 2013 (Adnkronos) 2013 Mentre in Italia continuano ad uscire, alla spicciolata, le guide del vino, all2019estero iniziano ad uscire le varie classifiche 201Dtop201D delle riviste enoiche più affermate. La prima, in ordine di tempo, è la 201DTop 100 Best Buys201D 2014 dell2019americana 201DWine Enthusiast201D (la corrispondente per l2019Italia è Kerin O2019Keefe), che mette in fila i migliori vini per qualità, e con un prezzo allo scaffale di massimo 15 dollari, con del Belpaese in classifica.


Primo degli italiani, il Soave Fontego 2012 de La Cappuccina, alla posizione n. 15, seguito dal Morellino di Scansano 2011 di Erik Banti al n. 40; a completare il 201Dpodio italiano201D il Nebbiolo d2019Alba 2012 di Veglio al n. 54, seguito dal Verdicchio dei Castelli di Jesi 2012 di Fattoria Laila, al n. 61; posizione n. 78, poi per il Rosso di Montepulciano 2013 di Gracciano della Seta, seguito dal Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico 2012 de La Staffa al n. 90, e dal Pinot nero 2012 di Stemmari al n. 97.
In una classifica che vede, al primo posto, il portoghese Aveleda 2013 di Quinta da Aveleda, dominano gli Stati Uniti padroni di casa con 30 etichette, seguiti dalla Francia con 13, e dal Portogallo con 9. Italia ancora giù dal podio, dunque, come nel 2013. Per una lista che, per quello che vale, conferma quello che in molti sostengono da tempo e hanno più volte ribadito a WineNews: sulla fascia dei vini di largo consumo all2019estero, l2019Italia, oltre che dai soliti francesi, ha tra i competitor più agguerriti la Spagna: il Paese iberico è presente con 8 etichette nella graduatoria.





Lo sapevi che...

17-04-2014

La cantina Erik Banti il sabato riceviamo su appuntamento, contattaci al numero di telefono 0564508006

10 Eccellente, Valutazione ottenuta da 24 recensioni

“Un vino da provare assolutamente , un piacere della vita sopratutto il Max . Non può mai mancare sul tavolo”

Paolo Zanini