Il Principio

terraQuando iniziai questa avventura, decidendo di potare a corto, di sacrificare le quantità con crudeli potature verdi e di usare vasche di splendente acciaio dedicando inusuali energie per l’igiene della cantina, fui ritenuto dai miei vicini più un “marziano” che un collega. I miei vini in quegli anni finirono più negli scarichi che nelle bottiglie e solo con la vendemmia 1981 misi il tappo alla prima bottiglia di Morellino, queste operazioni avvenivano nelle piccole cantine di Montemerano e di questo periodo per l’entusiasmo, i sacrifici e l’incoscienza ne ho il ricordo più caro.

Il Morellino allora, fresco dell’appellazione di origine, era un vino sconosciuto e il suo consumo si esauriva nelle damigiane (contenitori da 56 litri in vetro ormai in disuso n.d.r.) che sia gli appassionati che i turisti frequentatori della splendide coste maremmane acquistavano presso i contadini.

Ben presto arrivarono per me e per la storia del Morellino i primi riconoscimenti, e, verificata la qualità delle uve Scansanesi, nuovi “napoleoni” hanno qui eletto il loro domicilio tanto da far sembrare le nostre strade più simili a Via Spiga o Rodeo Drive che ad ameni percorsi rupestri.

Il Principio: Erik Banti – Cantina Morellino di Scansano DOC

10 Eccellente, Valutazione ottenuta da 24 recensioni

“..sempre buonissimo. .lo bevo da tanti anni e non stanca mai! anche gli altri vini di Erik non sono da meno!”

Maria Grazia Vecchio